Questa pagina è parte integrante del sito Boxerweb © 2004

REGOLAMENTO
DELLE PROVE DI 1° 2° 3° BREVETTO - (Sch)
BREVETTI DI PISTA 1 e 2 FCI - (FH1) - (FH2 FCI)
(Approvato dal Consiglio Direttivo dell'E.N.C.I. 24.7.97 in vigore dal 1.1.98)



SEZIONE "A"



1 - ESERCIZIO DI PISTA
(massimo dei punti disponibili 100)


Norme generali che disciplinano l'esercizio della Sezione "A"

Misure delle piste, tempi di invecchiamento, n° dei lati e n° degli angoli
  Lunghezza
in passi
Tempi in minuti di invecchiamento Numero dei lati Numero degli angoli
1° Brevetto

350/400

20 3 2
2° Brevetto

600

30 3 2
3° Brevetto 800 60 5 4

Brevetto di FH 1: vedi descrizioni nell'apposita sezione del presente regolamento.

 

Numero di oggetti e relativo punteggio

Numero degli oggetti

Punti per ogni singolo oggetto

Totale dei punti

1° Brevetto

2

10 + 10

20

2° Brevetto

2

10 + 10

20

3° Brevetto

3

7 + 7 + 6

20

Brevetto di FH 1: vedi descrizioni nell'apposita sezione del presente regolamento.

 

Punteggio per ogni singolo lato

1°lato

2°lato

3°lato

4°lato

5°lato

Punti totali

1° Brevetto

27

27

26

-

-

80

2° Brevetto

27

27

26

-

-

80

3° Brevetto

16

16

16

16

16

80

Brevetto di FH 1: vedi descrizioni nell'apposita sezione del presente regolamento.


Tempo massimo per portare a termine il lavoro di ricerca del 1°-2° e 3° Brevetto è di 20 minuti.


Qualità e natura degli oggetti

Tutti gli oggetti delle piste devono essere forniti dall'organizzazione.
Essi possono essere di pelle, similpelle, stoffa, legno, non sono ammessi oggetti di ferro o di materia plastica. Gli oggetti devono essere di colore non vivace affinché non si differenzino eccessivamente dal colore del terreno in cui la pista viene tracciata. Nell'ambito della stessa pista devono essere usati oggetti di materiale diverso fra quelli consentiti.
Gli oggetti devo essere consegnati al tracciatore almeno 30 minuti prima dell'inizio del tracciamento.
Il percorso della traccia è scelto dal giudice o dal direttore delle piste in accordo con il giudice.
Il punto di partenza della traccia deve essere contrassegnato da un picchetto ben visibile.

Tracciatore

Nel 1° Brevetto la pista è tracciata dal conduttore, nei Brevetti 2° e 3° e FH 1 da persona estranea.
Il tracciatore deve sostare al punto di partenza 20/30 secondi; in questo punto (inizio traccia) è consentito, calpestare leggermente il terreno prima di iniziare il tracciamento.
Tutti gli angoli devono essere tracciati ad angolo retto e ad andatura normale; durante il tracciamento non è permesso strisciare i piedi o sostare lungo la traccia.

Esempi di tracciato del 1° e 2° Brevetto
Esempi di tracciato Brevetto 1 e 2

 

Esempi di tracciato del 3° Brevetto
Pista con lato iniziale lungo Pista con lato iniziale corto
Esempi di tracciato Brevetto 3


Oggetti deposti lungo la traccia

Gli oggetti devono essere deposti sulla traccia, lontano dagli angoli o da altri punti di riferimento: strade, fossi o altri ostacoli. La distanza fra l'angolo e l'oggetto dovrà essere di almeno due guinzaglioni. Deposto l'ultimo oggetto il tracciatore deve proseguire ancora per alcuni passi prima di uscire dalla traccia.

  • 1° Brevetto
    Il primo oggetto può essere deposto nel primo tratto oppure nel secondo tratto a scelta del conduttore; il secondo oggetto deve essere deposto al termine della traccia.

  • 2° Brevetto
    Il primo oggetto deve essere deposto circa a metà del secondo tratto; il secondo oggetto deve essere deposto al termine della traccia.

  • 3° Brevetto
    Il primo oggetto deve essere deposto nel primo tratto a circa 100 passi dalla partenza. Il secondo oggetto può essere deposto nel secondo oppure nel terzo tratto. Il terzo oggetto deve essere deposto al termine della traccia. Se il primo tratto risultasse corto, il primo oggetto deve essere posto nel secondo tratto; (vedi esempio di tracciato) in questo caso il secondo oggetto verrà posto obbligatoriamente nel terzo tratto.

  •  

Ricerca libera, o con l'uso del pettorale o collare e guinzaglio di 10 metri

Il lavoro di fiuto sulla traccia può essere eseguito dal cane libero dal guinzaglio o con un guinzaglio della lunghezza di 10 mt. Se la ricerca viene effettuata con il guinzaglione, questo può essere fissato ad un pettorale o, in mancanza di questo, al collare del cane che in nessun caso potrà essere un collare di forza o altro collare utilizzato a strangolo. Il cane non potrà indossare collari di cuoio o collari antiparassitari.
Nella ricerca con l'uso del collare, al conduttore è lasciata la facoltà di far scorrere il guinzaglione fra le gambe del cane.
In nessun caso è concesso l'uso di cinghie supplementari o altre bardature separate oltre al pettorale o al collare.

 

Preliminare al lavoro di ricerca.

Il conduttore si presenta al giudice con il cane pronto per iniziare l'esercizio, comunica il proprio nome e quello del cane e dichiara se il cane segnala o raccoglie gli oggetti. Non è consentito che il cane faccia entrambe le cose nella stessa traccia. Prima che il cane inizi il lavoro di ricerca il giudice farà eseguire al cane una prova di indifferenza e procederà al controllo del tatuaggio.
Il controllo del tatuaggio è parte integrante della prova di indifferenza.
Se il cane non supera la prova di indifferenza non può essere sottoposto al giudizio nella prova di pista, pertanto verrà escluso dalla manifestazione. Superata la prova di indifferenza, su indicazione del giudice, il conduttore accompagna il cane al punto di partenza. Giunto al punto di partenza il conduttore potrà impartire al cane il comando "Cerca" (facoltativo) e lascerà libero il cane affinché possa prendere l'emanazione dell'odore e, di conseguenza, trovare la direzione della pista. Ciò deve avvenire senza alcuna forma di costrizione nei confronti del cane.
Il conduttore non può indicare in nessun modo al cane la direzione della pista.
Quando il cane inizierà a seguire la traccia il conduttore rimarrà immobile al punto di partenza fino a che il guinzaglio non si sarà del tutto svolto. Per il cane che esegue l'esercizio senza guinzaglio, il conduttore seguirà il cane solo quando questo si sarà allontanato dal punto di partenza di circa 10 metri.

 

Comportamento del cane

Il cane deve seguire la traccia con il naso a terra, dimostrare impegno e interesse ed avere un comportamento uniforme durante tutto il lavoro di ricerca. Non costituisce elemento di valutazione il fatto che la ricerca avvenga con andatura sostenuta o lenta, purché il lavoro del cane e la sua andatura siano uniformi e costanti per tutta la durata dell'esercizio. Il guinzaglione può essere tenuto lento durante la ricerca, ma la distanza fra cane e conduttore non dovrà diminuire; non è considerato errore se il guinzaglione tocca terra durante il lavoro del cane.
Per il cane che esegue l'esercizio senza guinzaglio la distanza fra cane e conduttore non dovrà superare o essere inferiore a 10 metri; se il cane si allontana oltre questa distanza l'esercizio verrà interrotto.
Dopo il ritrovamento dell'oggetto il cane deve riprendere il lavoro di ricerca al comando del conduttore, il quale non può indicare al cane la direzione della pista. Superato l'angolo il cane deve continuare il lavoro di ricerca senza variare l'andatura od il comportamento.
Durante il lavoro di ricerca sono ammessi, lodi occasionali e il comando "cerca" al cane, tranne che in occasione degli angoli o in prossimità degli oggetti.

 

Comportamento del cane negli angoli

Il cane deve eseguire gli angoli con sicurezza; un accertamento nell'angolo senza abbandonare la traccia o alzare la testa non è scorretto, non è invece corretto il cane che gira sull'angolo o alza la testa, o supera l'angolo, oppure se interrompe la ricerca e riprende il lavoro al comando del conduttore.

 

Ritrovamento degli oggetti

Quando il cane trova l'oggetto lo deve segnalare o raccogliere in modo convincente senza interventi da parte del conduttore.

 

Raccogliere

Dopo aver raccolto l'oggetto il cane può fermarsi in piedi o assumere la posizione di seduto ed attendere che il conduttore si rechi da lui per recuperarlo, oppure può andare con l'oggetto verso il conduttore, mentre il conduttore andrà verso il cane. Quando il conduttore avrà preso possesso dell'oggetto, segnalerà l'avvenuto ritrovamento al giudice alzando il braccio mostrando l'oggetto.

Segnalare

La segnalazione è eseguita dal cane assumendo la posizione di terra, di seduto o fermo in piedi. Segnalato l'oggetto da parte del cane in una delle posizioni descritte, il conduttore lascia cadere il guinzaglio, si reca dal cane e raccoglie l'oggetto segnalando a sua volta al giudice l'avvenuto ritrovamento alzando il braccio mostrando l'oggetto.
Non è scorretto se il cane involontariamente tocca l'oggetto con una zampa nell'assumere la posizione di terra o di seduto; inoltre non è considerato errore se il cane assume una posizione diagonale rispetto l'oggetto che sta segnalando.

 

Termine lavoro

Al termine del lavoro di pista il conduttore si reca dal giudice, consegna gli oggetti ritrovati con cane al guinzaglio e al piede.

 

Comportamenti non corretti del cane durante il lavoro di ricerca.

  • Nella tenuta di pista
    Una partenza difficoltosa; il poco interesse nell'eseguire l'esercizio; frequenti variazioni di andatura; continui aiuti a voce del conduttore; fermarsi ad evacuare; l'interrompere la ricerca per cacciare talpe o topi; il segnalare oggetti non depositati dal tracciatore; un lavoro eseguito in sottomissione.

  • Raccogliere o Segnalare l'oggetto

    • Se raccoglie:
      Segnalare l'oggetto anziché raccogliere; il masticare l'oggetto; il lasciare cadere l'oggetto; il giocare con l'oggetto; il porre resistenza nel lasciare l'oggetto al conduttore; il raccogliere dalla posizione di terra; allontanarsi con l'oggetto dal conduttore; riprendere la ricerca prima del comando del conduttore.

    • Se segnala:
      Raccogliere l'oggetto anziché segnalare o dopo averlo segnalato; segnalare l'oggetto alla distanza di una lunghezza ed oltre; toccare volontariamente l'oggetto con il muso; cercare di morderlo; non mantenere la posizione inizialmente assunta; cambiare la posizione durante l'avvicinamento del conduttore; riprendere la ricerca prima del comando del conduttore.

 

Comportamenti non corretti del conduttore durante l'esercizio.

Indicare al cane la direzione della pista alla partenza e dopo il ritrovamento dell'oggetto, non svolgere interamente il guinzaglio durante l'esercizio, trattenere o guidare con il guinzaglio il cane, dare continue lodi e comandi al cane durante l'esercizio, non presentarsi al giudice al termine della pista, non consegnare gli oggetti ritrovati al giudice.

 

Situazioni che si possono verificare
Selvaggina

Se durante il lavoro di ricerca alla presenza di selvaggina il cane segue il suo istinto di caccia, è concesso al conduttore di intervenire sul cane con un comando per farlo desistere. Successivamente, su indicazione del giudice, il conduttore farà riprendere il lavoro di ricerca al cane, questo comportamento prevede una parziale penalizzazione. Se nonostante l'intervento del conduttore il cane non riprende il lavoro di ricerca l'esercizio verrà interrotto.

 

Interruzione dell'esercizio

Quando il cane si allontana dalla traccia di oltre 10 metri o si allontana dalla traccia senza farvi ritorno; quando il conduttore nonostante l'invito del giudice, non segue il cane che sta abbandonando la traccia. Quando il lavoro di ricerca supera il tempo massimo previsto dal regolamento (20 minuti).