Questa pagina è parte integrante del sito Boxerweb © 2004

REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI PISTA
RICONOSCIUTO DALLA F.C.I.
(Valido per il campionato del Mondo F.C.I. di pista)


Ammissione

Età minima 20 mesi.

Possono partecipare alla prova cani di tutte le razze. I soggetti partecipanti debbono essere inscritti in un libro genealogico italiano o straniero, riconosciuto dall' F.C.I.
Prima dell'inizio della prova i cani inscritti devono essere sottoposti ad un esame di comportamento ed indifferenza.
L'esame viene effettuato con il cane al guinzaglio, non sono ammessi comandi da parte del conduttore durante l'esercizio.
Il giudice, durante l'esame si avvicina al cane al passo normale e procede al controllo del tatuaggio, il cane deve mantenere un comportamento indifferente.
Non supera la prova il cane che dimostri: insicurezza, paura o eccessiva aggressività.

Punteggio disponibile 100 punti

Tenuta di pista 80 punti
Oggetti n.7
(3 punti per ciascuno dei primi 6 oggetti,
2 punti per l'ultimo)
20 punti

Totale

100 punti


Caratteristiche della pista

Tracciato sconosciuto al conduttore su terreno di natura variabile; lunghezza minima del tracciato 2000 passi, (un passo valutato circa 70 cm); 7 angoli, dei quali, 5 ad angolo retto e due ad angolo acuto; invecchiamento, minimo, 180 minuti. Mezz'ora prima che il cane inizi il lavoro di ricerca, due lati della pista verranno intersecati da una traccia eseguita da una persona che non sia lo stesso tracciatore, l'intersecazione dovrà avvenire lontana dagli angoli e dagli oggetti deposti nella pista.


Oggetti

Devono essere di uso comune (metalli e materie sintetiche escluse); dimensioni massime, 10 cm di lunghezza per 3 cm di larghezza per 1 cm di spessore. Il colore degli oggetti non potrà differenziarsi eccessivamente dal colore de terreno. Gli oggetti devono essere ben impregnati dell'odore del tracciatore che gli deve tenere in tasca per almeno 30 minuti prima di iniziare a tracciare .


Tracciatore

Il tracciatore lascia all'inizio della traccia un oggetto di identificazione che rappresenta l'effettivo punto di partenza della pista. L'oggetto di partenza sarà di natura e dimensioni identiche a quelle degli altri 7 oggetti depositati sulla traccia.
L'oggetto che indica la partenza non sarà valutato dal giudice per l'attribuzione dei punti.
Durante il tracciamento, il tracciatore non può fermarsi né strisciare i piedi sul terreno; gli oggetti devono essere deposti sulla traccia e non a lato di questa, essi non possono essere posti negli angoli o nelle prossimità di questi, inoltre deve evitare di porli vicino a punti di riferimento; ostacoli naturali o altri particolari riferimenti (fossi, strade, cespugli, alberi etc.) .
Prima che il cane inizi l'esercizio di ricerca, il tracciatore deve illustrare al giudice l'esatto percorso della pista, la posizione degli oggetti lasciati sulla traccia, quali sono i lati ed i punti in cui la pista è stata intersecata dalla traccia più fresca.
Presentazione
Alla chiamata il conduttore si presente al giudice con il suo cane dichiarando la sua identità ed il nome del cane, il conduttore inoltre, dichiara, se il cane raccoglie, riporta o segnala gli oggetti.


Ricerca (libera o con guinzaglio di mt 10)

Il lavoro di fiuto sulla traccia può essere seguito dal cane libero dal guinzaglio o con un guinzaglio della lunghezza di mt 10. Se la ricerca viene effettuata con il guinzaglione questo può essere fissato ad un pettorale o, in mancanza di questo, al collare del cane che in nessun caso potrà essere un collare di forza o altro collare utilizzato a strangolo.
Nella ricerca con l'uso del collare, al conduttore è lasciata la facoltà di far scorrere il guinzaglione tra le gambe del cane.
In nessun caso è concesso l'uso di cinghie supplementari o altre bardature separate oltre al pettorale o al collare.


Partenza - ricerca del punto di inizio della traccia

Il punto di partenza della traccia si troverà all'interno di uno spazio di 20 metri per 20 metri, la cui linea di base è delimitata da 2 picchetti.
La direzione della pista viene indicata dal giudice al conduttore, il punto effettivo dell'inizio della traccia è costituito dall'oggetto depositato dal tracciatore.
Il modo di condurre il cane per il ritrovamento dell'oggetto di identificazione che indica l'inizio della pista, è lasciato alla libera scelta del conduttore.
Il tempo massimo concesso al cane per individuare l'oggetto (punto effettivo dell'inizio della traccia) è di 3 minuti.


Lavoro del cane sulla traccia

Il tempo massimo concesso al cane per completare l'esercizio di pista, dal momento dell'individuazione dell'oggetto-punto di partenza, è di 40 minuti.
Il superamento dei tempi massimi indicati comporta l'interruzione dell'esercizio.
E' vietato al conduttore ogni forma di costrizione nei confronti del cane sia prima che durante l'esercizio. Durante il lavoro di ricerca il conduttore segue al passo il suo cane alla distanza di 10 metri, tale distanza distanza e andatura deve essere osservata dal conduttore, anche se il cane effettua la ricerca libero dal guinzaglio.
Se il cane si allontana dalla traccia il conduttore lo deve seguire, il cane non può essere in alcun modo trattenuto. Se il conduttore trattiene il cane il giudice inviterà il conduttore ad assecondare il cane, se il conduttore nonostante l'invito del giudice, continuerà a trattenere il cane, l'esercizio viene interrotto.
Se il cane si allontana dalla traccia di oltre 10 metri l'esercizio viene interrotto.
Ripetuti interventi sul cane da parte del conduttore con il guinzaglio, oppure, nella ricerca libera, ripetuti segnali acustici al cane da parte del conduttore comportano l'interruzione dell'esercizio.
In nessun caso sono consentite rimesse in pista.


Ritrovamento degli oggetti

Appena il cane ritrova l'oggetto, senza alcuna interferenza da parte del conduttore, deve immediatamente raccoglierlo, riportarlo o segnalarlo in modo evidente e conformemente a quanto dichiarato dal conduttore, al giudice all'atto della presentazione.
La pratica contemporanea dei tre metodi (raccogliere, riportare e segnalare) sulla stessa pista non è ammessa.
Il cane che raccoglie può raccogliere e fermarsi sul posto ed attendere il conduttore, oppure raccogliere e dirigersi verso il conduttore.
Il cane che riporta, deve raccogliere l'oggetto e portarlo al conduttore.
Il cane che segnala, lo potrà fare dalla posizione di "in piedi" - "seduto" , oppure dalla posizione di "terra", ma non può toccare l'oggetto.
Il conduttore segnala al giudice l'oggetto travato dal cane alzando il braccio con l'oggetto in mano, conserva l'oggetto e, successivamente comanda al cane di continuare l'esercizio di ricerca.
E' proibito dare cibo al cane durante l'esercizio. Completato l'esercizio il conduttore mette il cane al guinzaglio, si reca dal giudice e,assunta la posizione base, consegna gli oggetti ritrovati comunicando il termine dell'esercizio.
La prova termina con l'illustrazione da parte del giudice del lavoro svolto e del punteggio conseguito.
La menzione può essere attribuita solo al cane che avrà ottenuto il punteggio minimo di 70 punti.

Qualifiche
Ecc 100-96
M.B. 95-90
Buono 89-80
Suff. 79-70
Insuff. 69-36
Mediocre 35-0

In caso di parità di punteggio tra due o più soggetti, ai fini della classifica finale, preverrà il miglior punteggio sulla tenuta di pista.
Per quanto non espressamente previsto si applica il Regolamento Internazionale IPO in quanto non in contrasto con il presente Regolamento.